Elezioni europee 2024

 

 

Si segnala che, in merito alle elezioni europee che in Italia si svolgeranno nei prossimi 8-9 giugno 2024 (in tutta l'Unione Europea tra giovedì 6 e domenica 9 giugno 2024), il Parlamento UE ha realizzato una pagina dedicata con tutte le informazioni di dettaglio.

In primis, si evidenzia che per votare bisogna aver compiuto 18 anni e i cittadini italiani che risiedono in un altro Stato membro dell'UE possono scegliere di votare nel paese di residenza a patto che siano rispettate determinate condizioni.

Il Parlamento UE fornisce poi una serie di informazioni sul numero di membri eletti, le modalità di elezione, i candidati, le soglie di sbarramento, le circoscrizioni europee, ecc.

 

***************************************************************************

Con Circolare n.13 del 15/02/2024, il Ministero dell'Interno fornisce le direttive in merito all'esercizio del diritto di voto per l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia da parte dei cittadini dell'Unione europea residenti in Italia.

I cittadini dell'Unione residenti in Italia, per poter esercitare il diritto di voto per i membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia, devono presentare al sindaco del comune di residenza, ove non lo abbiano già fatto in occasione di precedenti elezioni europee, domanda di iscrizione nell'apposita lista aggiunta istituita presso lo stesso comune per il voto alle elezioni europee.

Tale domanda deve essere presentata, ai sensi dell'art. 2, comma 1, del citato decreto legge n. 408/94, convertito dalla legge n. 483/94, "non oltre il novantesimo giorno anteriore alla data fissata per la consultazione" e cioè entro l'11 marzo 2024 (considerando data della votazione domenica 9 giugno 2024).

Tale termine, al fine di garantire il diritto di voto previsto dalla Costituzione e dalla normativa dell'Unione europea, deve intendersi rispettato anche quando la domanda, sebbene datata non posteriormente all'11 marzo 2024, sia pervenuta al Comune solo successivamente alla predetta scadenza.

Nella domanda – oltre all’indicazione del cognome, nome, luogo e data di nascita – dovranno essere espressamente dichiarati:

la volontà di esercitare esclusivamente in Italia il diritto di voto;

la cittadinanza;

l’indirizzo nel comune di residenza e nello Stato di origine;

il possesso della capacità elettorale nello Stato di origine;

l’assenza di un provvedimento giudiziario a carico, che comporti per lo Stato di origine la perdita dell’elettorato attivo.

Si precisa che il possesso della capacità elettorale nello Stato di origine dichiarato dal richiedente non deve essere comprovato da alcuna attestazione rilasciata dall'autorità nazionale competente.

I comuni, nell'ambito dell'istruttorla di rito, dovranno verificare, al sensi dell'art. 2, comma 3, del dtato decreto-legge n. 408/94, l'assenza di cause ostatlve che comportino in Italia la perdita dell'elettorato attivo.

Gli iscritti nella lista aggiunta in occasione delle precedenti elezioni europee possono esercitare il diritto di voto senza dover presentare una nuova istanza. A questo proposito, si ricorda che l'eventuale trasferimento di residenza in altri comuni italiani di iscritti nella suddetta lista aggiunta determina l'iscrizione d'ufficio del medesimi nelle liste aggiunte del comune di nuova residenza.

l sindaci sono invitati a promuovere ogni opportuna attività, a livello locale, diretta a dare massima pubblicità alla facoltà per l cittadini dell'Unione di votare nel comune di residenza per l membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia.

disponibili: Manifesto informativo Allegato a)Allegato b)

 

 

torna all'inizio del contenuto